dalla regione Lombardia: volantino regionale sulla valutazione

Milano -

                                      SCIENZA o COSCIENZA   

        In data 16/5/2012 la DR lombardia ha convocato le OOSS regionali e le RSU della Struttura della DR per la firma di due Verbali di “presa d’atto”   sui risultati del sistema di valutazione dell'apporto individuale rispetto agli obiettivi di sede per il 2011 (verbali allegati alla presente e-mail).

A tal fine sono stati forniti gli elenchi del  personale della DR stessa, del Personale Sanitario e del Personale di Vigilanza  della Lombardia, elenchi con la suddivisione dei  colleghi nelle tre fasce di merito  (110 – 100 – 90) . 

 

Cosa è emerso da questa riunione??!! La conferma del fallimento totale dell’attuale impianto del sistema di valutazione!!!

 

In risposta alle lamentele e alle contestazioni   che venivano dal tavolo sindacale e alla domanda relativa a quanta COSCIENZA e/o SCIENZA sia stata usata nella valutazione del personale, il Dr Spina, pur rivendicando la propria autonomia decisionale e la correttezza del lavoro svolto in tutta la regione, ha ammesso che questo sistema, così come è strutturato, rende assolutamente impossibile una gestione oggettiva e trasparente della valutazione individuale.

Ha aggiunto, inoltre,  che la mancanza di informazioni chiarificatrici sull’accordo del 21/12/2011 e soprattutto la mancanza  di “Paletti” nei criteri di valutazione hanno  lasciato i Direttori delle sedi a giudicare il personale secondo solo la loro COSCIENZA, creando inevitabili  disparità nelle valutazioni tra struttura e struttura.

 

La USB a tal proposito ha  precisato  che se forse è stata usata COSCIENZA, (anche se in alcuni casi si nutrono forti dubbi), sicuramente di SCIENZA non ce n’è proprio stata, come dimostrano la grande  diversità e varietà  delle valutazioni tra le varie sedi e la quantità impressionante di documenti di contestazione spontanea provenienti dal personale di tutta Italia e della regione Lombardia.

 

Documenti di forte protesta dei lavoratori che hanno portato anche i Sindacati regionali CISL, UIL , CISAL (firmatari dell’accordo centrale) a non sottoscrivere i due Accordi (così come è accaduto in altre sedi della Lombardia).

 

La USB non ha sottoscritto i suddetti accordi  anche per i seguenti motivi:

-                           Il  “verbale di presa d’atto” rappresenta una modalità di partecipazione che non ha nessun valore sindacale, essendo lo stesso un atto unilaterale dell’Amministrazione che non fornisce neppure i dati necessari a verificare il rispetto delle regole;

-                           L’attuale valutazione sta creando un clima aziendale fortemente conflittuale tra lavoratori e tra dirigenza e lavoratori;

-                           Gli elenchi prodotti dall’amministrazione non sono ancora quelli definitivi, in quanto sono  suscettibili di variazione a seguito dell’inoltro delle istanze di riesame e di revisione dei singoli colleghi;

-                           Inoltre tali elenchi non consentono alle OOSS e RSU di sede di poter controllare i punteggi assegnati al personale  e  l’apposizione o meno  del flag sulla scheda di valutazione dei colleghi A3 e/o B3, i quali hanno svolto un’attività riconducibile all’area immediatamente superiore.

 

Il seguito alle prossime puntate.

 

Milano, 21/5/2012                               

                                                     per la USB Lombardia

                                                           Luigi Frullo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati