VALUTAZIONE INDIVIDUALE: L'ARBITRARIETA' REGNA SOVRANA!

Padova -

 

 

 

 

In questi ultimi tre anni USB Inail ha costantemente denunciato pubblicamente le palesi contraddizioni e le aberrazioni del sistema di valutazione individuale adottato per il personale dell’INAIL.  In primo luogo la violazione del disposto dell’art. 3 della L. 241/90 che impone che ogni provvedimento della Pubblica Amministrazione sia motivato, violazione che nega ai dipendenti dell’INAIL lo status di cittadini della Repubblica.

Tuttavia le nostre reiterate richieste di annullamento di questa procedura, a fronte delle tante evidenti storture, sono state accolte da un silenzio assordante, con la sola  esclusione del precedente CIV che ha bocciato senza appello il sistema di valutazione. Anzi, nel 2013 l’Amministrazione e i Sindacati CISL, UIL e CISAL hanno sottoscritto un nuovo accordo che ha ulteriormente peggiorato le modalità di valutazione. Così il sistema è stato reso, volutamente, più opaco e sono state ridotte le possibilità di difesa e tutela del personale.

 

In questo mese sono stati resi pubblici i dati relativi alla valutazione effettuata nel 2013 e inerente l’anno 2012. Ora la prima cosa che ci chiediamo è perché ci siano voluti più di nove mesi per rendere pubblici questi semplicissimi dati numerici, (trattandosi di dati  che riguardano il personale evidentemente non sono stati ritenuti degni di alcuna elaborazione).

 

  La nostra convinzione è che questo ritardo sia dovuto al fatto che questi dati costituiscono una clamorosa smentita di quanto affermato dall’Amministrazione secondo la quale il sistema garantisce " l'uniformità e la coerenza dei criteri di valutazione su tutto il territorio nazionale, la trasparenza, la massima equità valutativa .." (Lettera della DCRU del 12.3.2012).

 

 Basta infatti dare un’occhiata alla seguente tabella da noi elaborata che evidenzia le risultanze percentuali della citata valutazione (i dati numerici assoluti li trovate nel documento fornito dall’Amministrazione e allegato al presente comunicato):

                                                                                                                                 


 

 

Esiti valutazione apporto partecipativo individuale del personale per l’anno 2012 (esclusi i Dirigenti amministrativi) Tabella con percentuali  -  (Elaborazione USB).

 

(Non sono inclusi Molise e Province di Aosta e Bolzano aventi un numero di dipendenti valutati non superiore alle ottanta unità.)

 

 

 

Regioni/

Classi di

merito

Numero

Dipendenti

valutati

%

dipendenti con

valutazione

elevata

% dipendenti con

valutazione

più che adeguata

% dipendenti con

valutazione sufficiente

% dipendenti con

valutazione

insufficiente

Puglia

459

45,31

51,63

3,05

0

Sardegna

230

43,91

53,47

2,17

0,43

Trentino

83

43,37

56,62

0

0

Marche

280

30,71

63,21

5,71

0,35

Liguria

302

29,13

68,54

2,31

0

Direzione Gen.

1259

26,29

69,49

4,20

0

Calabria

229

25,76

72,92

1,31

0

Lazio

723

25,58

69,15

0,52

0

Basilicata

95

25,26

73,68

1,05

0

Abruzzo

269

24,53

69,88

5,20

0,37

Lombardia

1010

24,25

70,89

4,55

0,29

Piemonte

561

23,35

76,11

0,53

0

Umbria

194

22,68

77,31

0

0

Toscana

594

22,39

75,75

1,68

0,16

Emilia Rom.

614

20,68

75,24

4,07

0

Sicilia

522

19,73

76,81

3,25

0,19

Veneto

581

18,41

71,77

9,63

0,17

Campania

594

16,32

81,81

1,68

0,16

Friuli V. G.

246

14,63

80,48

4,47

0,40

Riepilogo nazionale *

9030

24,82

71,24

3,80

0,01

 

* sono inclusi i dati di Molise e Province di Aosta e Bolzano

 

 

  Quello che risulta subito evidente è che riguardo alla percentuale di dipendenti con “valutazione elevata”, la differenza tra la Puglia e il Friuli è di oltre 30 punti percentuali. Anche per quanto concerne la ”valutazione più che adeguata” troviamo una differenza massima (tra Puglia e Campania) di circa 30 punti percentuali. Nel Veneto invece la percentuale di dipendenti con valutazione sufficiente è quasi il triplo della media nazionale.

Ora queste differenze così marcate non possono essere in alcun modo giudicate come “normali”. E’ evidente che le procedure e criteri adottati non garantiscono alcuna uniformità ed equità valutativa ma sono soggetti all’arbitrarietà più assoluta da parte dei Dirigenti.

 

 Pure i dati riguardanti gli esiti dei ricorsi (dati esaminabili sempre nel documento fornito dall’Amministrazione e che trovate in allegato) evidenziano una forte

 

 

disomogeneità tra Regione e Regione. In Campania in particolare risultano “anomali” i dati relativi in generale alle procedure di conciliazione: nonostante i Dirigenti provinciali abbiano modificato (a distanza di qualche mese) le proprie valutazioni con modifiche in aumento in ben 75 delle 95 richieste di riesame, il Direttore regionale ha mutato, aumentandole, ben 65 delle 67 domande di revisione (ossia il 97%).

 

Dunque anche questi indicatori confermano l’estrema soggettività che caratterizza la valutazione individuale.

 

Pertanto lo affermiamo ancora una volta: il sistema di valutazione dell’INAIL è “contra legem” (mancanza di motivazione nei provvedimenti e di trasparenza) e non garantisce nemmeno una minima uniformità e equità valutativa.

 

Invitiamo pertanto tutti i dipendenti dell’INAIL ad attivarsi per tutelare, anche in questo ambito, i propri diritti unendosi a USB nella lotta per porre fine a questa ingiusta e assurda procedura.

 

 

Roma, 16 aprile 2014

 

 

                       Coordinamento nazionale USB P.I. INAIL

  

 

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati