INCONTRO DEL 9 ottobre 2019

Roma -

In data9 ottobre 2019 il Nuovo Direttore Regionale, D.ssa Alessandra Lanza, ha incontrato le OOSS regionali per informarle del piano di razionalizzazione della Direzione Regionale e delle Strutture dell’Area metropolitana”.

La D.ssa Lanza ha subito precisato che dopo anni in cui si è parlato ediscusso della riorganizzazione dell’Area Metropolitana, anni in cui sono state ventilate varie ipotesi (locazione e/o acquisto di una nuova sede), che poi si sono dimostrate impercorribili,la Direzione Centrale Patrimonio ha stabilito che l’allocazione delle sedi sul territorio Milanese dovrà essere concluso entro l’anno 2020.Per quanto sopra la Direzione Regionale ha preparato un piano di riallocazione tenendo conto della normativa vigente che prevede uno spazio di 25 MQ per ogni dipendente in organico comprensivo degli archivi. La USB,pur comprendendo la necessità di accelerare i tempi per lasciare al più presto lo stabile di Porta Nuova e pur solidarizzando con il nuovo Direttore Regionale, la quale appena arrivata in Lombardia si trova con l’oneroso compito di completare un progetto tenuto in standby per anni, ha espresso la propria preoccupazione per un progetto che, ai sensi della normativa, potrebbe portare i colleghi delle sedi di Milano a lavorare in spazi molto ristretti e per alcune qualifiche (vedi gli Ispettori) a non avere più delle scrivanie personali ma a rotazione. La USB ha fatto inoltre presente,a tal proposito,che già in altre sedi della Lombardia oggetto di ristrutturazione ai sensi dellattuale normativa, pur non essendo state attuate ristrettezze” eccessive, è diventato, di fatto, difficile trovare spazi per le figure che lavorano occasionalmente in queste strutture (Alternanza scuola lavoro personale tecnico ed ispettivo della DR -ecc).La D.ssa Lanza ha ribadito che il piano di riallocazione non può prescindere dalla normativa vigente, ma che si impegnerà per fare in modo che i disagi per il personale siano i minori possibili. Atal proposito ha comunicato di avere costituito un gruppo di lavoro che coordinerà le attività a livello regionale e di essersi già attivata con i Dirigenti delle sedi,chiedendo loro di creare la massima empatia”col personale e di fornire le dovute informazioni alle RSU e alle organizzazioni sindacali delle rispettive sedi, affinchè le operazioni di trasferimento avvengano col massimo consenso possibile.

La D.ssa Lanza ha quindi illustrato il nuovo piano logistico delle sedi di Milano, che sarà il seguente:-La sede di Milano Mazzini si trasferirà presso lo stabile di Milano Boncompagni appena terminati i lavori di ristrutturazione di questa sede, probabilmente entro il marzo 2020; -La Sede di Milano Porta Nuova si trasferirà nello stabile di Milano Sabaudia entro giugno 2020; -La Direzione Regionale si trasferirà presso lo stabile di Milano Mazzini entro ottobre 2020; -Presso la sede di Sesto San Giovanni verrà trasferita,entro l’ottobre del 2020, l’attività Sanitaria, più precisamente il Centro Medico Legale Polispecialistico della Direzione regionale, la Fisiochinesiterapia, il Punto Cliente e la UOT di Milano. Tale nuova allocazione avrà una “temporaneità “ di circa 3 anni, tempo previsto per la ristrutturazione di altri piani, attualmente non in uso,della sede di Milano Mazzini che dopo questo periodo sarà in grado di ospitare un’altra sede, Milano Porta Nuova o Milano Sabaudia. Ha precisato, inoltre, che tutte le operazioni relativi ai trasferimenti e ai traslochi dovranno essere conclusi nell’arco di un anno e saranno gestite dalla Direzione Regionale e il personale delle sedi sarà impegnato solo nelle giornate di trasloco. Per rispondere alle varie preoccupazioni espresse dai sindacati la Direttrice ha precisato che in questa fase si terrà particolare attenzione alle richieste di mobilità in ambito metropolitano verificando le effettive esigenze del personale che chiede di essere assegnato ad altre sedi di Milano. Naturalmente,nella valutazione delle domande di trasferimento, la Direzione regionale terrà conto anche delle esigenze funzionali delle strutture in uscita e in entrata. Infine in considerazione del fatto che ci sarà sicuramente una ristrettezza degli spazi, verrà tenuto in dovuto conto l’applicazione dello strumento del Lavoro AGILE.A tal proposito la D.ssa Goglia ha precisato che è stata fatta una relazione alla Direzione Centrale sull’ottimo impatto che ha avuto tale istituto in Lombardia, nella speranza,naturalmente,di un rinnovo e di un ampliamento di tale strumento. Alla fine della riunionela D.ssa Lanza ha dato delle brevi informative:TICKET: a tutti i colleghi che hanno restituito i “QUI TICKET” in quanto non più spendibili, gli stessi verranno sostituiti con gli attuali ticket EDENRED. PERSONALE IN COMANDO: in considerazione anche del fatto che la riorganizzazione delle sedi comporterà un maggior carico di lavoro per gli Uffici della D.R., si sta valutando l’acquisizione di personale in “Comando” con esperienza nell’area acquisti e nella gestione del personale. La USB ha approfittato per chiedere notizie per gli altri comandi previsti e annunciati nelle precedenti riunioni e la DR ha precisato che è ormai certa l’acquisizione di un Assistente

Sociale per la sede di Cremona ed è a buon punto l’acquisizione di un infermiere in Comando,sempre per la sede di Cremona.

MISSIONI: Infine la DR ha ricordato ai presenti l’obbligo di inserire il preventivo in caso di missione ai fini della concessione della relativa autorizzazione,per evitare ai colleghi del Processo Strumentale della DR una inutile duplicazione del loro carico di lavoro. A breve verrà inviata a tutto il personale una nota in tal senso.

MILANO , 10/10/2019

per la USB INAL

Lombardia

Frullo -Grandinetti –Napoli

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni