I PASSAGGI ALL'INTERNO DELLE AREE

Roma -

        Questa mattina, 30 novembre 2009, si è svolto al tavolo nazionale un nuovo incontro tecnico sulle progressioni economiche all’interno delle aree.

            L’Amministrazione ha presentato un lavoro molto dettagliato e particolareggiato, che però, a nostro avviso, risente di un’eccessiva “tecnicità”, non affrontando minimamente  alcune questioni di carattere politico che la RdB ha già  sollevato più volte, anche nel corso del precedente incontro.

            Alla luce di queste considerazioni abbiamo nuovamente chiesto di affrontare la questione con  un taglio diverso, iniziando a valutare   alcune problematiche irrisolte da molti anni e che necessitano di soluzioni che parzialmente possono essere trovate anche attraverso la scelta relativa alle progressioni economiche.

            Abbiamo  posto il problema dell’area A: ci sembra doveroso dare un segnale a questi lavoratori, anche in termini di inquadramento economico. Anche  se si sta lavorando per richiedere alla Funzione Pubblica l’autorizzazione per l’emanazione di un bando  per il passaggio a B1, sappiamo tutti che, visti i tempi biblici legati alla burocrazia (richiesta di autorizzazione all’emanazione del bando- effettuazione del concorso- richiesta di autorizzazione all’assunzione- visto che si tratta di un passaggio considerato alla stregua di una nuova assunzione)  e legati  alla situazione contingente (blocco quasi totale delle assunzioni sino al 2013) i lavoratori dell’area A, bene che vada, dovranno aspettare anni per  arrivare a B1! Prevedere la possibilità che i colleghi A1 transitino in A2 e quelli  A2 transitino in A3 non ci sembra francamente una proposta inverosimile, anche in considerazione delle attività che questi lavoratori svolgono da anni negli uffici dove sono incardinati. Lo stesso vale per quei pochi lavoratori ancora inquadrati a B1.

            Abbiamo inoltre  sottolineato la necessità che si trovino delle soluzioni per alcuni profili professionali che, a parità di funzioni, sono “sparpagliati” su più posizioni economiche. Sappiamo benissimo che il nuovo ordinamento professionale scaturito dall’ultimo contratto  ha creato delle aberrazioni, introducendo la massima flessibilità all’interno delle aree-che equivale a dire “facciamo lo stesso lavoro, ma siamo pagati diversamente”- ma ci sono delle situazioni per le quali il sindacato ha il dovere morale di dare delle risposte, alla stregua di quanto è stato fatto per il profilo ispettivo.

             Ci riferiamo nello specifico alla situazione del personale sanitario  non medico, del personale socio educativo e del personale tecnico, dove è praticamente impossibile giustificare la differenza economica tra le varie posizioni economiche.      Siamo consapevoli che le nuove regole non ci consentono di trovare una soluzione immediata a tutte queste situazioni, ma nostro dovere è quello di porre il problema ed attutire le differenze, anche attraverso i passaggi economici. 

            Inoltre all’interno del personale sanitario non medico, crediamo non sia più possibile  continuare ad ignorare la posizione paradossale dei 174 lavoratori   ancora  inquadrati a C1 perché, in massima parte, non hanno potuto usufruire dell’ultimo passaggio a C2 in quanto per una manciata di giorni non avevano il requisito dell’anzianità previsto.

            Una volta affrontate queste questioni di natura più politica, si potrà procedere alla individuazione dei contingentamenti  per i passaggi economici per tutte le altre qualifiche e profili professionali. Questa la posizione che abbiamo sostenuto nel corso dell’incontro.

            Ad onor del vero dobbiamo sottolineare che al tavolo abbiamo trovato su queste nostre posizioni, un’apertura non solo delle altre Organizzazioni Sindacali, ma anche dell’Amministrazione che si è impegnata a presentarci una proposta che vada nella direzione da noi richiesta. Ci sembra un buon segnale, da non sottovalutare.  Ma, come sempre, aspettiamo di vedere la proposta definitiva. 

Roma, 30 novembre 2009

                                                                                    

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati