2013 L'INAIL NON INTENDE PIU' PRESTARE ASSISTENZA FISCALE

Roma -

 

 

Assistenza fiscale 2013 – redditi anno d’imposta 2012

 

Si comunica che, a partire dal corrente anno, l’Istituto, per ragioni di natura organizzativa non potrà prestare assistenza fiscale diretta al personale. Pertanto sarà necessario rivolgersi direttamente agli intermediari autorizzati per la presentazione del modello 730.”

Con queste parole l’INAIL si accoda a quanto già nel 2011 e nel 2012 Mastrapasqua ha stabilito per gli Enti previdenziali INPS ed INPDAP da lui presieduti. Le stesse ragioni di natura organizzativa cancellano un servizio importante, di natura non istituzionale ma di grande utilità per la maggior parte del personale che ne ha usufruito finora e per il quale non è facilmente comprensibile quale possa essere il risparmio economico per l’Istituto. I  lavoratori infatti  predisponevano già per proprio conto il modello e lo trasmettevano on-line all’Amministrazione che faceva solo da tramite con l’Agenzia delle Entrate evitando ai  lavoratori stessi lunghe file e perdite di tempo presso gli intermediari autorizzati.

Non si tratta quindi di un problema di mancanza di personale ma della volontà di sopprimere un servizio da parte  di un’amministrazione che evidentemente non ci pensa due volte a  cancellare  anche quei  piccoli “vantaggi” che fino ad oggi cercava di offrire ai propri dipendenti o ex dipendenti.

 

E non si tratta solo di questo. Perché il quadro sia completo va messo nella giusta evidenza quello che si sostanzia come l’ennesimo  regalo a  CAF, patronati e consulenti del lavoro.

 
A questo punto è chiaro che la scelta è strategica, almeno per chi era
appollaiato come un avvoltoio  in attesa, non aspettando altro che il  momento di elargire la propria “assistenza – consulenza – compilazione” (della cui gratuità ci permettiamo di dubitare), pubblicizzandola attraverso roboanti avvisi al personale nonché a familiari, parenti e amici.

 

USB condivide lo sconcerto manifestato dai colleghi e non ha intenzione di suggerire di rivolgersi al proprio CAF per trasmettere il modello 730, cosa che in altre realtà qualche sindacato ha fatto, in quanto questo è un invito surrettizio ad iscriversi al sindacato, così da poter contare sull’assistenza fiscale “gratuita”.

USB intende chiedere all’Amministrazione di ripensare alla decisione presa nel prossimo incontro di delegazione previsto per il 5 febbraio p. v..

Roma, 1.2.2013                                                                                                                                                                                                        

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati