Pubblico Impiego INAIL

dalla regione Toscana: comunicato regionale su convocazione 14.1.14

Firenze -

CONVOCAZIONE DEL 14 GENNAIO 2014

Si è svolto ieri, 14.01.2014, il primo confronto tra la Direzione Regionale Toscana e le OO.SS. regionali sulla ripartizione delle dotazioni organiche 2013 e 2015. Le risultanze del confronto dovranno essere trasmesse da ogni regione alla DCPOC con la proposta della ripartizione per la Regione entro il 31.01.2014.

E’ l’ultimo atto prima dell’approvazione definitiva della nuova ripartizione organica dell’Istituto, conseguenza del taglio ulteriore delle dotazioni organiche attuato dopo la L. 135 del 2012, che ha portato successivamente all’approvazione da parte del Presidente dell’INAIL del nuovo modello organizzativo il 02.08.2013 e in data 18.11.2013 ad effettuare le ripartizioni sul territorio della nuova dotazione organica, approvata a seguito della riduzione. Ricordiamo che l’USB non ha firmato l’accordo e ha combattuto a tutti i livelli la manovra, perché convinta che ai tagli di personale corrisponderà un peggioramento nella carenza dei servizi resi.

I margini di manovra sono davvero molto stretti e prevedono sulla base di un organico complessivo previsto per la Regione Toscana di 576 unità, una ripartizione già predeterminata dalla Direzione Centrale di 544 unità in base delle dotazioni minime previste per singole unità, con un residuo di 32 unità  (31 Ammininistrativi e 1 Infermiere Professionale) da ripartire sul territorio, comprese 4 Pos. Organ. di 1° liv. e 5 Pos. Organ. di 2° liv, sempre riferite al profilo amministrativo.

Il Direttore Regionale ha illustrato la sua proposta  che prevede di dare un assetto omogeneo a tutte le strutture di tipo B, e una ripartizione dei contingenti jolly sulla base dei carichi di lavoro e delle strutture operanti.

Nella dotazione organica della  Regione Toscana è stata inclusa anche la Struttura di Villa Lemmi, che sulla base del nuovo modello organizzativo cessa di esistere quale struttura di tipo B dipendente dalla Direzione Generale.

Prima di arrivare alla proposta definitiva, prevista per il 30.01 sono stati previsti incontri tecnici a partire dal 20.01.

Vi informeremo nel corso di ulteriori comunicati sull’esito del confronto, rimarcando che i margini sono strettissimi come strettissimi e inesistenti sono stati i confronti a livello centrale, dato il carattere dell’operazione, nata con lo scopo principale del taglio lineare dei costi e non di una migliore organizzazione e funzionamento dei servizi pubblici.

Nel corso della riunione è stato consegnato un elenco di 19 unità di personale della Toscana che cesserà obbligatoriamente dal servizio nel periodo 2014 – 2016 principalmente per raggiunto limite d’età. Tali cessazioni sono le uniche certe, in quanto il pensionamento del personale che maturerà i requisiti nel triennio indicato e che sta ricevendo o riceverà una comunicazione dall’Istituto in tal senso, è condizionato dall’eventuale presentazione della domanda di dimissione.

                                                                   Per Il Coord. Reg. USB INAIL Toscana

                                                                               Mele -  Savarese -  Segnalini